Mostriciattoli Alieni Bignè

A me piace il ciotolone, lo sbattitore elettrico e i pasticci. Pur possedendo il robot da cucina e il Bimby, vivo attimi di regressione tecnologica culinaria e quando sono particolarmente nervosa monto gli albumi con la frusta. I bicipiti ringraziano e riesco a scaricare un po’ di nervosismo. Non è lo stesso capace di venir fuori sul tapis roulant ma la cucina, a proprio modo, è una tipologia di palestra non da sottovalutare.


I bignè sono una delle poche cose che mi piace fare sempre e solo con il bimby. La ricetta è ormai collaudata e l’impasto mi convince. Pur non avendoli fatti così spesso ho focalizzato quella come “tradizionale” ed anche questa volta non vi è stato verso alcuno di provarne un’altra.

I bignè però non è difficile trovarli già belli e pronti e per questo motivo essendo qui fautrici dell’idea veloce ma pur sempre divertente, si può talora pensare di acquistarli già confezionati e via.

Anche prepararli con netto anticipo e congelarli, eh.

Far diventare i bignè degli adorabili mostriciattoli (anche non troppo  spaventosi) è semplicissimo. Una colata di cioccolato fondente, ricavato da cioccolato in tavoletta fatto fondere nel micro per qualche minuto o a bagnomaria, servirà da sfondo e da collante per occhietti zuccherosi argentati o anche smarties e zuccherini.

I mikado tagliati a metà come antenne potranno essere sostituiti da qualsivoglia biscottino. I Togo sono eccessivi ma se il bignè è fatto in casa e quindi di proporzioni maggiori rispetto alla norma, anche delle belle antenne di togo non sono mica una cattiva idea.


Per un bignè più goloso, l’interno con l’aiuto di una sac-à-poche potrà essere riempito con creme aromatizzate o semplici cucchiaiate di nutella.

Un’idea base che da spazio alla fantasia più sfrenata. Presto, infatti, tantissime altre variazioni con l’uso del bignè.

10 commenti

Archiviato in Brunch, Cioccolato, Colazione, Dolcetto, Ragni

10 risposte a “Mostriciattoli Alieni Bignè

  1. Verrò sicuramente ad attingere idee per Halloween…e già queste mi piacciono tanto!!!
    ciao loredana

  2. Ti dico solo che prima di leggere il post mia mamma ha detto:
    “I mikado tagliati a metà come antenne potranno essere sostituiti da qualsivoglia biscottino. I Togo sono eccessivi.”

    Paura O.O

    • Puoi dirle che l’amo?
      Puoi dirle perfavore che un giorno la rapirò ?
      E pure a Susy rapisco.
      sia messo a verbale.
      Giubbino compreso *_*

      • io ce l’ho detto. Ora si rotola per terra ridendo…credo che l’abbiamo persa😄 va bè tu però mi dai Nanda in cambio e magnamo uova e facciamo cubecraft e apriamo un ciospo di sezzallimonessale *___*

      • è incredibile come tutto torni *_*
        equilibri pefffetttttti
        *_*
        peffetttiiiiiiiiiii

        *_*
        ora scusa devo rotolarmi anche io
        (e mi porto pure la nonna , ecco)
        (e la porto a ballare allo sciantal)

  3. Pingback: Manicomio e Mele | GiKitchen – Una Cucina Psicola(va)bile

  4. Pingback: Il Mostro Polenta | GiKitchen* La Cucina Psicola(va)bile di Iaia & Maghetta Streghetta

  5. Pingback: Cosa preparo per Halloween? | GiKitchen* La Cucina Psicola(va)bile di Iaia & Maghetta Streghetta

  6. Pingback: Halloween: Zuppa di broccoli, edamame, wasabi e spolverata di sesamo – La Cucina Psicola(va)bile di Iaia & Maghetta Streghetta

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...